L'evoluzione di un passato contadino

Un'oasi naturale ai piedi delle Alpi Giulie

L'avventura del Ristorante San Mauro affonda le proprie radici nella terra, in un trascorso contadino in cui si viveva di agricoltura, frutticoltura e vinificazione. Dall'importanza della natura, dei suoi ritmi e dalla volontà di proporre un'alternativa alla realtà sempre più tecnologica, il ristorante si afferma come luogo di svago e di piacere in cui l'ospitalità è un valore da proteggere.

Lo splendido paesaggio, la vista sulle Alpi Giulie Orientali e il fiorire della campagna fanno da cornice a un ristorante che mette in tavola i frutti di questa natura, trattandoli con rispetto e sapienza per un tripudio del gusto.

Caro Gino, ...

la mia famiglia si occupa da sempre di agricoltura, frutticoltura e vinificazione. Non siamo mai stati ricchi e tutto quello che abbiamo fatto ce lo siamo sudati.

La storia ci insegna che di campagna non si vive ma si vivacchia, per cui i mie nonni erano dei gran commercianti. Si faceva e si brigava per la famiglia.

Io e mio fratello siamo cresciuti a questa scuola, dura se vuoi, ma molto formativa. Ringrazio i miei vecchi e anche oggi, che ho 36 anni e utilizzo per lavoro il computer e il telefonino (aggeggio infernale), ricordo con piacere e metto volentieri in pratica i vecchi metodi di fà affars in place.
Vecchi rituali basati sulla parola data, le giornate dedicate per usanza alle attività agricole e non, annusare l'aria e saper sperare nel tempo buono, sono tutte cose che io considero come un nostro grande patrimonio culturale.

Avevamo qualche soldo (piccolo, piccolo), entusiasmo e una buona idea: un'azienda agricola, vicino a Udine, zona pedemontana, che offrisse ospitalità, svago e spazi aperti alle famiglie e che dedicasse le sue risorse alle attività collaterali quanto a quelle strettamente agricole.

Nulla di nuovo, dirai tu, ma la caratteristica di quest'azienda era che nasceva all'inizio come agrituristica. Non doveva insediarsi, come accoglienza e immagine, in un contesto prettamente agricolo, magari funzionale, ma poco accattivante.
La gente vuole rivivere la campagna e immergersi nella natura tra sentori di un passato contadino che non esiste più. Confronta i propri fumosi ricordi con una realtà esasperatamente tecnologica dove quasi tutto ciò che c'era di romantico dell'antico mondo contadino, nel corso di questi ultimi trent'anni, è stato sacrificato a sacrosante esigenze di mercato, meno sacrosante normative e talvolta diaboliche leggi-salva-settore.

Non voglio essere polemico con te, che hai combattuto in prima persona certe battaglie, ma lascia che io ti dica che questo sogno antico alla gente piace viverlo.

Il nostro fine ultimo a San Mauro è quello di far apprezzare una natura che ci circonda e ci parla. Io non faccio niente, apro solo un sipario su quelle che sono le nostre Alpi Giulie Orientali e i nostri Colli.
Tutti i sensi sono solleticati dalla natura: la vedi, la mangi, la bevi, la tocchi e ci puoi anche volare sopra.

Avrai notato che i parcheggi sono ribassati rispetto al piano di campagna per non disturbare l'occhio dell'ospite con la presenza delle auto in sosta.
Una considerazione che tutti gli operatori agrituristici dovrebbero fare è che, se è pur vero che i vecchi sapori ci sembrano insuperabili, è pur anche vero che pochi intendono riprovare i disagi e la crudezza della vita contadina.
Viviamo nel terzo millennio e a questa gente dobbiamo parlare.

Una cucina con basi sane e semplici, che usa la tradizione come spunto per nuove proposte culinarie.
La ricerca della qualità nel singolo ingrediente e la maniera per esaltarne il gusto. Vini schietti e con note caratteristiche e fragranze tutte Friulane. Il rosso di nostra produzione, porta con se la Grave del Natisone e si consuma nell'anno. Lo spumanteFrullino Extra dry è una proposta che esula dalla tradizione friulana di vini fermi.
Ma è una risposta di carattere ai Prosecchi di Conegliano. Ha ragione di esistere nella lotta che noi piccoli produttori facciamo (supportati nel mio caso dall'attività agrituristica) per esportare la nostra maniera di bere. Non scimmiottare francesi, toscani, piemontesi ed altro. Facciamo capire agli altri cosa vuol dire bere in Friuli.
E se non lo si fa attraverso l'agriturismo dove lo facciamo?

Il volo ultraleggero è ospitato da me e mio fratello per passione.
Si è dimostrato un grande alleato per la Trattoria. Abbiamo vari itinerari che prevedono il sorvolo di antichi castelli, alvei fluviali e colline del cividalese.
Si può prenotare un tavolo in volo chiamando via radio e ricevere informazioni dall'azienda sul traffico, sulla pista in uso e sul meteo.

Abbiamo clienti affezionati che partono in aereo da Modena, Venezia Lido, Belluno, Bolzano, Slovenia e Austria per venire a pranzo da noi, e se hai una tenda e un costume da bagno ti puoi fermare quanto vuoi.

Avrei molte altre cose da dirti e spero di averti trasmesso quello che non è solo lo spirito della nostra azienda, ma anche la mia filosofia di vita.

 

Domenico Agostino – Duca delle Brume

* lettera all'amico Ercole Gino Gelso direttore di CONFAGRICULTURA e poi pubblicata su INFORMAGRICOLTURA nel novembre del 2000

RISTORANTE TRATTORIA SAN MAURO | 15, Via Casali Pasch - 33040 Premariacco (UD) - Italia | P.I. 02344780305 | Tel. +39 0432 729253 | Fax. +39 0432 526977 | info@trattoriasanmauro.com | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite